Celiachia Notizie 03-2012

Questi articoli saranno pubblicati sul numero 03-2012 di

CELIACHIA NOTIZIE REGIONI

Senza glutine, nuove regole per l’acquisto: istruzioni per l’uso

Un sito per essere (e fare) comunità

Il presidnete si è dimesso

I corsi di cucina e per tutor

Degustenico: menù coi fiocchi   Celiaci….sul velluto

Magnalonga sempre più turistica

 

 

Senza glutine, nuove regole per l’acquisto: istruzioni per l’uso

In tutti i punti vendita. Scegliere i prodotti indicati nel Registro del Ministero

È entrato in vigore da ottobre, in tutto il territorio del Trentino, il nuovo meccanismo di acquisto dei prodotti senza glutine elencati nel Registro del Ministero della salute in qualunque punto vendita che ne disponga. Il sistema è stato disciplinato dal regolamento di attuazione della legge provinciale sulla celiachia (la numero 8 del 3 giugno 2011) e dalle successive circolari dell'Azienda Sanitaria. Nei mesi scorsi AIC Trentino ha fornito a tutti gli associati gli opportuni chiarimenti. Riproponiamo di seguito le principali “istruzioni per l’uso”, integrate con alcuni aggiornamenti e precisazioni, attraverso le risposte alle domande più frequenti che possono emergere. Nel ricordare che il sistema di acquisto è appena stato avviato e che ci troviamo ancora in una fase di sperimentazione della nuova procedura, AIC invita i soci a prestare la massima attenzione e chiede a tutti collaborazione, affinché il cambiamento risulti il più comprensibile e agevole possibile.

Quali prodotti si possono acquistare? L'Azienda Sanitaria ha definitivamente chiarito con circolare del 07/09/2012 che i prodotti acquistabili sono quelli contenuti nel Registro Nazionale del Ministero della Salute, Registro accessibile dal nostro sito nazionale http://www.celiachia.it selezionando “dieta senza glutine” “alimentazione” “prodotti dietetici e registro nazionale” e cliccando, in fondo alla stessa pagina internet, il link “qui” per scaricare l’elenco.

Il “buono” in denaro erogato dalla Provincia va speso ogni mese o ogni trimestre? Se spendo meno devo restituire la differenza? La cifra messa a disposizione dalla Provincia va spesa nel trimestre. Se quindi, ad esempio, un celiaco va in vacanza due mesi e al ritorno spende l'intero buono, non ci sono problemi. Se il buono non è interamente consumato, può essere richiesta la restituzione della differenza, ma per questo non sono state ancora chiarite le modalità. Nel caso un celiaco consumi abitualmente una cifra parecchio inferiore a quella erogata, lo deve comunicare all'Azienda Sanitaria attraverso un apposito modulo disponibile presso i Distretti Sanitari.

È necessario lo scontrino parlante? No. Con circolare del 11/07/2012 l'Azienda Sanitaria ha chiarito che nel caso lo scontrino non contenga il codice fiscale del celiaco (quindi in tutti i casi in cui non ci sia fattura) va fatta un’autocertificazione.

Come e quando va fatta l'autocertificazione? È sufficiente fare l'autocertificazione nel momento di un eventuale controllo (riproduciamo in questa pagina il modulo appositamente preparato a questo scopo). Gli scontrini dovranno essere conservati per un anno e, per sicurezza, fotocopiati perché molti con il tempo scoloriscono.

Serve uno scontrino separato per i prodotti senza glutine? No, ma per facilitare i controlli è meglio che i prodotti senza glutine siano sottoposti alla cassa tutti assieme, all'inizio o alla fine della spesa. Per semplificare le cose, i supermercati potranno inserire delle sigle apposite - o addirittura riportare automaticamente i prodotti in convenzione in fondo allo scontrino, ma ogni esercizio potrà optare per la soluzione che preferisce.

Come ci si regola con il conto bancario? Per i minorenni il versamento può essere fatto sul conto dei genitori, i maggiorenni devono avere conto proprio o cointestato.

I supermercati sono stati informati? AIC Trentino ha inviato capillarmente a tutti i punti vendita una comunicazione informativa chiedendo a ciascun esercente notizie in merito all’assortimento di prodotti senza glutine di cui dispongono.

Il mio medico non riesce ad inserire il nuovo codice di esenzione 059 Nel maggio scorso l'Azienda Sanitaria ha informato tutti i medici del cambio da malattia rara 060 RI a malattia sociale 059, e si è attivata per risolvere il problema rilevato da alcuni nell'inserimento del dato.

 

 

Il presidente si è dimesso.

In febbraio il rinnovo degli organi Per motivi personali e di lavoro, Massimo Fotino ha rassegnato il 15 agosto scorso le proprie dimissioni sia da presidente di AIC Trentino che da membro del direttivo provinciale dell’associazione. Conseguentemente il direttivo di AIC, riunitosi all’inizio di settembre, dopo aver preso atto con rammarico delle dimissioni di Fotino, tenendo conto che il rinnovo degli organi dell’associazione è previsto con l’assemblea in programma nel febbraio prossimo, ha condiviso la scelta di affidare temporaneamente l’incarico di presidente ad Adriana Guadagnini, alla quale è stata affiancato come staff, Rosanna Giramonti, attuale responsabile dell’area divulgazione e sensibilizzazione.

 

 

Un sito per essere (e fare) comunità

Da settembre AIC Trentino ha un nuovo sito – aicitrentino.it – ideato e realizzato con l’obiettivo di permettere e favorire un maggiore coinvolgimento degli associati, ma anche di farsi conoscere dai non soci, celiaci e non, proporre e raccontare la vita e le attività dell’associazione. La novità più importante è infatti rappresentata dall'area riservata, in cui gli iscritti possono trovare uno spazio all’interno del quale socializzare e confrontarsi sulle varie tematiche connesse alla celiachia. Altro punto di forza dell'area riservata sono i gruppi tematici, destinati in prima battuta ai nostri volontari. Nel Gruppo AFC i nostri tutor hanno a disposizione tutta la modulistica aggiornata per la formazione e il monitoraggio delle strutture, e possono condividere con gli altri volontari le problematiche incontrate nella loro attività. Nel Gruppo Divulgazione e Sensibilizzazione i volontari potranno partecipare attivamente alla creazione delle attività che saranno poi offerte agli associati. Per iscriversi alla community basta cliccare sul link “Registrati alla community” posto in alto a destra. Dopo che la vostra iscrizione sarà approvata potrete personalizzare il vostro avatar e iniziare a parlare, discutere, farvi o acquisire degli amici... Cristian Caldera

 

I corsi di cucina e per tutor

In questi mesi le iniziative di formazione, i corsi di cucina e gli eventi promossi da AIC Trentino o dei quali l’associazione ha collaborato attivamente sono stati numerosi. Per quanto riguarda la formazione, merita di essere segnalate in particolare il corso pratico di base per cuochi aderenti al network AIC, tenutosi il 13 settembre presso l’Osteria Vecchio Sarca a Madonna di Campiglio, due corsi di cucina per soci del 20 settembre (cui si riferiscono le foto) e il corso per tutor AFC del 6 ottobre nella sede dell’associazione a Trento.

 

Degustenico: menù coi fiocchi  

C’era anche AIC Trentino nei sette punti di ristoro che hanno proposto un prelibato menù senza glutine nell’ambito della manifestazione DeguStenico, percorso enogastronomico tra borghi e castelli svoltosi domenica 1° luglio. Ma ecco cosa hanno potuto gustare i celiaci partecipanti. A colazione caffè, yogurt, pane, marmellata, merendina; aperitivo hugo con patatine; per antipasto pane con speck, salame, grana trentino; come primo piatto pasta con pomodoro dell’orto e basilico; come dolci, torta de lat e strudel, merenda al formaggio. Il secondo piatto è stato un delizioso filetto alle erbe montane con caponata di verdure dell’orto. Bevande: acqua e vino tipico locale.

Celiaci….sul velluto

Tra gli eventi estivi, molto apprezzato il Festival del Mais ospitato dal 7 al 9 settembre a Levico Terme, dove AIC ha partecipato con uno stand divulgativo e nel corso del quale, nella giornata conclusiva, è stato possibile mangiare senza glutine. La presenza di AIC Trentino si è poi fatta notare molto ad “Ala Città di Velluto”. Nello scenario barocco del centro storico di Ala, per tre giorni (dal 13 al 15 luglio) le vie, le corti e le piazze hanno fatto da palcoscenico per attori, musicisti, artisti e figuranti che nei vellutati costumi settecenteschi hanno dato vita a spettacolari performance. Per la prima volta durante la manifestazione, grazie alla collaborazione con AIC Trentino e dei suoi volontari i celiaci hanno avuto la possibilità di trovare nelle pittoresche e antiche locande aperte per l’offerta enogastronomica tradizionale del territorio, un punto dedicato alle specialità trentine senza glutine.

Magnalonga sempre più turistica Con la collaborazione di AIC Trentino e la presenza di molti stranieri

È stata dedicata al bosco la diciassettesima edizione della Magnalonga dell'Alta Vallagarina, la passeggiata enogastronomica organizzata dai Comuni di Volano, Calliano e Besenello con la collaborazione attiva di AIC Trentino, presente anche quest’anno con stand e volontari per garantire ai partecipanti celiaci piatti e prodotti tipici senza glutine. Domenica 2 settembre sono state 1.500 le persone munite di posate e bicchiere che hanno sfidato un cielo nuvoloso per gustare lungo il percorso un menù ricco di specialità locali. Il cammino di nove chilometri tra i vigneti, i castelli, i colori e i sapori dei prodotti locali, ha preso il via quest’anno dal Parco Legat di Volano con un caffè di benvenuto, per immergersi successivamente nella campagna fino a Calliano, attraversare il paese e concludersi a Besenello. Molti i gruppi di turisti amanti della buona tavola provenienti dall’Emilia Romagna, di Bologna, Modena, Reggio. Qualche comitiva è arrivata in pullman anche dall’Austria e anche dalla Repubblica Ceca. Moltissimi, come sempre, i vicentini e i veronesi decisi a raggiungere i punti di ristoro collocati nella passeggiata  e soprattutto il pranzo con il tortino di fregoloti. Come dimenticare poi il succo di sambuco, il carpaccio di carne salada, il sorbetto alla mela verde, la guancetta di manzo brasata al Marzemino, la polenta, i formaggi associati alle pere, la crema all’uva e le fortaie con confettura. E, di ritorno a Volano, caffè e grappa per tutti. La principale novità di questa edizione è stata la collaborazione con l'Associazione cuochi del Trentino, che hanno cucinato solo prodotti locali. ag