Poliabortività

Domanda:

Gentile dottor Polloni,
vorrei avere un suo parere sul mio problema. Ho 35 anni e ho problemi di poliabortività. Da tutte le indagini che io e mio marito abbiamo effettuato, nessun ginecologo ha tratto una specifica causa. Tuttavia, un ginecologo, visti i miei valori dei seguenti anticorpi, mi ha suggerito di tentare una dieta senza glutine che ho seguito in maniera molto ferrea:
- anti gliadina classe IgG - 18 mg/L - intervalli rif. (0,0 - 18,0)
- anti gliadina classe IgA -2,9 mg/L - intervalli rif. (0,0 - 3,0)
- Anticorpi IgA anti transglutaminasi -<5 U/ml - valori significativi > 7
Dopo 5 mesi di dieta sono rimasta incinta, ma purtroppo anche stavolta è
andata male. Le mie analisi dopo 5 mesi di dieta sono le seguenti:
- anti gliadina classe IgG -0,5 U/ml - intervalli rif. (<10)
- anti gliadina classe IgA -1,6 U/ml - intervalli rif. (<10)
- Anticorpi IgA anti transglutaminasi -< 9 U/ml – valori significativi > 16
Nel frattempo sono anche cambiate le unità di misura e gli intervalli di
riferimento.
Le chiedo gentilmente se può rispondere ai miei interrogativi:
1) i valori delle mie analisi, soprattutto quelli prima della dieta,
manifestano veramente intolleranza al glutine e sono causa di abortività?
2) Secondo lei devo proseguire con questa dieta?
3) perché il laboratorio non mi segna i risultati gli anticorpi Anti
Endomisio (EMA) visto che sono stati richiesti entrambe le volte?
La ringrazio fin da subito per l'attenzione che vorrà dedicare ai miei quesiti.
Cordiali saluti.

 

Risposta:

La celiachia è solo una delle possibili cause di poliabortività.
Per fare una diagnosi corretta di celiachia è necessario eseguire gli esami specifici (per un soggetto adulto, IgA sieriche totali + anticorpi anti transglutaminasi tissutale: gli anticorpi anti endomisio vengono eseguiti automaticamente, per conferma, solo se gli anticorpi antitransglutaminasi risultano positivi) categoricamente prima di iniziare una dieta priva di glutine! Nel caso di sierologia positiva si esegue la biopsia.
Da quanto viene descritto nella lettera gli esami specifici sembrerebbero negativi (anche se non vedo riportato il dosaggio sierico delle IgA totali).
Il caso in questione andrebbe però sottoposto personalmente ad un gastroenterologo che si occupa di celiachia, in quanto ci sono altri elementi clinici da valutare...
A disposizione per eventuali ulteriori consigli (essendo un caso particolare eventualmente può contattarmi presso il reparto di pediatria di Rovereto).